The Real FidelA portrait of Cuba and
it's enigmatic leader

Exploring Cuba’s transformation
throughout the ’60s

Il 31 Dicembre 1958, Lee Lockwood, all’epoca un giovane fotogiornalista, andò a Cuba per esplorare e documentare quella che sembrava la fine del regime Batista. Arrivato il giorno prima che Fidel Castro salisse al potere, nel corso dei seguenti dieci anni fu spesso invitato dal leader che gli garantì un accesso speciale alla sua cerchia e l’occasione di esplorare l’isola libero dalle restrizioni generalmente imposte ai giornalisti americani. Nel 1965, Castro promise a Lockwood una rara e dettagliata intervista, ma non si presentò mai ai loro appuntamenti. Tuttavia, ne valse l’attesa quando l’intervista si trasformò in una maratona di sette giorni durante i quali vennero trattati tutti i maggiori temi, dalle questioni razziali in America alla Crisi dei missili di Cuba. Originariamente pubblicate nel 1967, l’intervista e le riflessioni di Lockwood, sono ora edite da TASCHEN insieme a centinaia di scatti inediti.

L’esperto Saul Landau, esperto di America Latina, contestualizza il lavoro di Lockwood in un momento storico in cui la relazione tra Cuba e USA torna ad essere al centro dell’attenzione.

“RACCHIUDE MOLTE SORPRESE PER IL LETORE CHE HA VISTO LA REALTA CUBANA
… SOLO ATTRAVERSO IL DISTORTO PRISMA DELLA PROPAGANDA.”
—THE NEW YORK TIMES BOOK REVIEW, 1967