Steve Mc Queenat Marian Goodman
Gallery

Paris,
9 January – 27 February, 2016

La galleria Marian Goodman di Parigi presenta una mostra su Steve Mc Queen. Sono esposti l’installazione del suo ultimo film e una serie di nuovi lavori realizzati appositamente per questa quinta esibizione presso la galleria.
L’ultimo progetto di Mc Queen è caratterizzato da un’installazione a muro formata da una dozzina di luci al neon blu scuro, ognuna delle quali è una versione unica scritta a mano della frase Remember Me.
Ashes è un lavoro composto da due film che sono proiettati simultaneamente su entrambi i lati di uno schermo. Il primo di questi è un ritratto di Ashes, un giovane uomo di Granada, dalla quale proviene anche la famiglia dell’artista, seduto sulla prua di una barca che naviga il mare caraibico. Il filmato venne realizzato durante la produzione di un altro lavoro Caribs’ Leap (2002). Ripreso in tempo reale su una pellicola Super 8 dal rinomato Robby Müller, le immagini mostrano il carattere documentario del lavoro di Mc Queen.
 Lo scrittore Jean Fisher nota come l’uso che l’artista fa della macchina da presa a mano debba essere visto come parte integrante della performance, e possa essere interpretato in quanto trasgressione delle barriere tra l’immaginario e il reale, tra lo spazio filmico e quello dello spettatore, un’interruzione della continuità narrativa. L’apparente libertà di Ashes è in contrasto con il contenuto del secondo film, registrato otto anni dopo nel cimitero di Granada e che mostra qualcosa di molto diverso dai paesaggi da cartolina delle isole dei Caraibi.

“VOGLIO METTERE IL PUBBLICO NELLA SITUAZIONE IN CUI TUTTI DIVENGANO ESTREMAMENTE SENSIBILI A SE STESSI, AL LORO CORPO E ALLA RESPIRAZIONE.” STEVE MC QUEEN