Nobuyoshi Arakiat Musée Guimet, Paris

Photography as autobiography
13 April – 5 Septembre, 2016

Maori Love 2007 © Nobuyoshi Araki/eyesencia

 

Una delle figure più importanti nella fotografia giapponese, Nobuyoshi Araki è conosciuto in tutto il mondo per le sue fotografie di donne legate secondo le antiche regole del Kinbaku – l’arte giapponese del bondage – una pratica che risale al quindicesimo secolo. Questa mostra presso il Museo Guimet, una delle più importanti dedicate ad Araki in Francia, ripercorre cinquant’anni del suo lavoro attraverso più di 400 immagini. La selezione, basata su migliaia di fotografie che l’artista scattò tra il 1965 e il 2016, va dalla prima serie intitolata Theatre of love del 1965 fino a lavori inediti, includendo un’ultima creazione realizzata per il museo nel 2015 e intitolata Tokyo-Tombeau. La mostra inizia dalla scoperta della maggior parte dei libri realizzati da Araki e prosegue con l’introduzione ai temi portanti del suo lavoro, i fiori, la fotografia come autobiografia, la sua relazione con la moglie Yoko, l’erotismo, il desiderio, ma anche l’evocazione della morte. L’opera di Araki  è caratterizzata da un’intensa sperimentazione. Gli strumenti, i codici, gli stereotipi sono rivisitati dall’artista che manipola i propri negativi, occasionalmente coprendoli con tracce di calligrafia o pittura. Una retrospettiva aspira a far esplorare e capire ai visitatori le radici dell’arte di Araki nella cultura tradizionale giapponese.