Bettina Rheimsat La Maison Européenne
de la Photographie

28 January  – 27 March, 2016

La Maison Européenne de la Photographie presenta una bellissima retrospettiva su Bettina Rheims. C’è sempre stata una forte relazione tra la fotografa e la MEP. Nel 1990, quando era ancora in costruzione, Bettina espose la serie Modern Lovers e nel 2000 venne esposto il suo controverso lavoro I.N.R.I..
Quale posto migliore per presentare il suo percorso attraverso quarant’anni di fotografia. La mostra ne esplora il lavoro partendo dai vari personaggi che abitano le sue immagini. Lo spettatore si trova faccia a faccia con rappresentazioni a grandezza naturale che s’interrogano sull’idea di femminilità e identità.
Bettina Rheims ha un grande talento nel confrontarsi con la trasgressione e una visione che si allontana dalle convenzioni. La fotografa ha fatto propri i codici della fotografia di nudo, e li ha trasformati incentrandoli sulla femminilità, indagando le questioni di genere, espandendo i codici di rappresentazione.
È una brillante ritrattista che è riuscita ad ampliare la nostra coscienza collettiva. Le sue eroine sono tutte ritratte con la stessa dolcezza, siano esse famose o anonime. Bettina è una creatrice d’immagini, le sue fotografie sono il testamento di una tradizione pittorica secolare.